Tactus: orientarsi in città seduti alla scrivania

Sofia ZuccalàDesignLeave a Comment

Tactus, mappa tattile

Vi piacerebbe imparare a esplorare la vostra città attraverso una mappa tattile e in tutta sicurezza? Da oggi è possibile grazie a Tactus, uno strumento che aiuterà gli insegnanti di Orientamento e Mobilità a condurre i propri studenti verso una maggiore sicurezza nel muoversi attraverso il panorama urbano, senza l’aiuto o l’assistenza di nessuno.

Come?
Tactus è una mappa tattile modificabile, è possibile inserire ostacoli e punti di riferimento per poter esplorare con le dita il “territorio”. In questo modo lo studente può avvalersi del tatto per muoversi tra le “strade”, sviluppando così il suo senso dell’orientamento, che gli permetterà di essere più autonomo nello spostamento in città.

Il kit di Tactus comprende: uno strumento di mappatura che aiuterà gli studenti ad imparare attraverso la mappa 3D, una legenda tattile che indica i tipi di ostacoli e punti di riferimento, delle tessere tattili che illustrano le intersezioni da inserire nello strumento e un libro di istruzioni per l’insegnante, che contiene la guida all’utilizzo del kit e una serie di esercizi di mappatura per gli studenti.

Il Kit Tactus è composto da: mappa tattile, legenda, tessere tattili e guida

Il Kit Tactus è composto da: mappa tattile, legenda, tessere tattili e guida

Questo progetto è stato ideato e creato dalle designer Kristina Mok e Taysia Louie per la loro tesi di laurea presso l’Emily Carr University of Art + Design (Vancouver, British Columbia, Canada).

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0
Share this on
Sofia Zuccalà
Follow me

Sofia Zuccalà

I'm a 23 years old MSc student in Communication of Science and Sustainable Innovation and I am a communication lover. I have a BSc in Communication, Innovation and Multimedia and at the moment I'm writing for several blogs about technology, science and current news.
Sofia Zuccalà
Follow me

Latest posts by Sofia Zuccalà (see all)

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese