Ecco come la stampa 3D sta migliorando la vita dei non vedenti

Martina CavalieriArte, Design, TecnologiaLeave a Comment

Alcuni esempi di stampa 3D

La stampa 3D ha portato una grande rivoluzione nella nostra quotidianità. Partendo da semplici forme fino ad arrivare a strutture più complesse ed elaborate questa tecnologia ci permette di progettare e creare tantissimi forme, dando sfogo alla creatività di tutti.

Recentemente molti studi/aziende utilizzano questa tecnologia per migliorare la vita di milioni di persone con disabilità visiva: dalle fotografie tridimensionali alla riproduzione tridimensionali di grandi capolavori della nostra storia, dalle mappe 3D ai libri tattili per bambini.

Ecco di seguito alcuni esempi:

Le illustrazioni (e i libri) tridimensionali

Tutti noi conosciamo la storia del Piccolo Principe e ci siamo innamorati delle illustrazioni contenute nel libro. Ma sapevate che queste illustrazioni sono state fedelmente riprodotte in 3D?

Per migliorare l’esperienza di lettura dei bambini con disabilità visiva, la designer Eva Sbaraini, ha riprodotto fedelmente molti dei personaggi del libro. Qua sotto potete trovare un esempio: la fotografia del modello 3D del Piccolo Principe.

Foto del modello 3D del Piccolo Principe

Un altro esempio interessante è il progetto Tactile Picture Books (ne avevamo parlato qui) dove il team della University of Colorado Boulder ha creato dei libri tattili in 3D per bambini.

Foto di libri tridimensionali per bambini non vedenti
Vietato non toccare le opere d’arte

Molti musei si stanno adoperando per permettere alle persone non vedenti e ipovedenti di poter toccare i quadri (riprodotti) degli artisti più famosi. Vi sono già alcuni esempi come il Museo del Prado a Madrid, che ha organizzato una mostra con opere riprodotte in 3D (potete leggere l’articolo completo cliccando su questo link). Qua sotto potete trovare la riproduzione 3D di un’opera esposta al museo.

Foto di libri tridimensionali per bambini non vedenti

Inoltre vi sono realtà italiane (come il progetto T-VedO) che si stanno adoperando per permettere alle persone con disabilità visiva di godere della bellezza di queste opere.

Un altro bellissimo esempio è la Gioconda 3D realizzata dal gruppo Unseen Art (ne abbiamo parlato qui)

Foto della Gioconda realizzata in 3D dal gruppo Unseen Art
Le fotografie trasformate in modelli 3D

Vi ricordate di “Touchable Memories”, il progetto nato con l’intenzione di trasformare le fotografie in modelli 3D? Ecco un altro progetto molto interessante che vede la stampa 3D come protagonista per aiutare le persone con disabilità visiva a mantenere vivi i propri ricordi.

Fotografia in 3D
Mappe tattili

Anche le mappe stradali o le piantine degli edifici sono diventate più accessibile grazie alla stampa 3D. Alcuni esempi? Linespace,  il dispaly tattile che aiuta le persone non vedenti ad esplorare mappe e immagini  e il recente progetto di Jason Kim,  giovane studente di ingegneria meccanica della Rutgers University che, insieme ad un suo professore, è riuscito a progettare delle sofisticate mappe Braille per permettere ai non vedenti di orientarsi nell’ambiente (qui potete trovare l’articolo).

Questi sono solo alcuni esempi, ma la stampa 3D sta facendo molti progressi ed è meraviglioso constatare quante siano le realtà che utilizzano questa tecnologia per sviluppare questi progetti per migliorare la vita delle persone :)

(via 3D Printing Industry)

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn3Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on StumbleUpon0Share on Tumblr0
Share this on
Martina Cavalieri
Follow me

Martina Cavalieri

I’m a 26 years old Italian graphic designer with a passion for typography and company branding. I have an MA in Industrial and Graphic Design and I’m currently Graphic Designer at Horus.

In my spare time I write for my art blog called Martineken and I keep pursuing my interest by doing graphic concepts and mock-ups.
Martina Cavalieri
Follow me

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese